Research Centres A – E (historia, materiales de corpus-linguistics.com 24.04.2004)

 
Corpus Linguistics: Research / Organizations: A – E
 

Corpus
Linguistics
Research
Centres
Projects
Events
Mailing
Lists
Tutorials
Corpora
Software
CL
in Applied Linguistics

 

You are now in section > Corpus
Linguistics > Research
Centres > A – E

 

A – E
F – J
K – O
P – T
U – Z

ACL
CETH
CHILDES
Collins Cobuild
Computational Linguistics Group @ Oxford
CECL
Dictionary Research Centre, Birmingham
Dictionary Research Centre, Macquarie
ELRA
ELSNET


ACL
Association for Computational Linguistics

Coordination: ACL – Association for Computational Linguistics; President
(2003): Mark Johnson
Design/Purpose: “The Association for Computational Linguistics
is THE international scientific and professional society for people
working on problems involving natural language and computation.”

Projects:

  • Journal Computational
    Linguistics
Newsletter: no
Notes: Archives of the ACL are now available

CETH
-Center for Electronic Texts in the Humanities

Coordination: Brian Hancock ,
Rutger University
Design/Purpose: Production of eTexts in the Humanities
Projects:
  • Spectator
    Project
  • Caesar
    with Concordance
  • Electronic
    Journal of Boundary Elements
  • see more
Newsletter: no
Notes:

CHILDES
– Child Language Data Exchange System

Coordination: CHILDES, Carnegie Mellon University, U.S.
Design/Purpose: “The CHILDES system provides tools for studying
conversational interactions. These tools include a database of transcripts,
programs for computer analysis of transcripts, methods for linguistic
coding,and systems for linking transcripts to digitized audio and
video.”

Projects:

  • Talkbank
Newsletter: no, but see their Overview
of the CHILDES system. (PDF format)
Notes: “The data, programs, and manuals are freely accessible
over the net and can also be obtained on CD-ROM”

Collins
Cobuild

Coordination: “Cobuild is a department of HarperCollins Publishers
[…]based at the University of Birmingham, UK”
Design/Purpose: “[S]ince 1980, we have carried out research into
corpus-based lexicography. Throughout the 1980s, following the computational
corpus-based approach to language analysis developed by Professor
John Sinclair, Cobuild built up a large corpus of modern English,
software tools to manipulate and analyse the corpus data, and a
team of specialist corpus linguists and lexicographers.”

Projects:

  • Bank
    of English
  • Wordbanks Online
Newsletter: no
Notes:

Computational
Linguistics Group@Oxford

Coordination: Professor
Stephen Pullman
Design/Purpose: “The CLG comprises academics and graduate students
(all of the latter are working toward a doctorate (D.Phil)) and
is led by Professor Stephen Pulman.

Our website contains information about the people in the group,
the work in progress here, and CLG news – the latter is part of
our forum/discussion-board which is open to all.”

Projects:

  • Grammar Learning Using Inductive Logic Programming
  • Intelligent Assessment of Examination Scripts
  • and lot’s more. Check it out.
Newsletter: The forum will serve as a news exchange.
Notes:

Centre
for Corpus Linguistics, Birmingham

Coordination: Staff of the Centre
for Corpus Linguistics at the university of Birmingham
Design/Purpose: “The Centre for Corpus Linguistics (CCL), Department
of English at the University of Birmingham was established in December
2000 by the newly appointed professor Wolfgang Teubert. The CCL
carries forth the strong corpus linguistic tradition of Birmingham,
dating back to the 70’s, with the compilation of COBUILD, the first
corpus-based general language dictionary. John Sinclair, the project
leader, was one of the pioneers of corpus linguistics. “

Projects:

  • Chinese-English
    Translation Base
  • Global
    English Monitor Corpus
  • TELRI
  • TRACTOR
Newsletter: no
Notes:

Dictionary
Research Centre (Birmingham)

Coordination: Department of English, University of Birmingham
Design/Purpose:

Projects:

  • Johnson’s A Dictionary of the English Language
  • corpus-based lexicography
  • bilingual and multilingual lexicography
  • the lexicographical description of collocation
  • the language of definitions
  • perceptions of dictionaries
  • metaphor and dictionaries
Newsletter: no
Notes:

Dictionary
Research Centre (Macquarie University)

Coordination: Department of Linguistics, Macquarie University, Sydney,
Australia; director is Associate Professor Pam Peters
Design/Purpose: “[The DRC] promotes systematic research in lexicography,
lexicology, Australian English and English usage in general.”
Projects:
  • Corpus
    Linguistics
  • Lexicography
  • Australian
    English
  • more
Newsletter: no
Notes:

ELRA
– EUROPEAN LANGUAGE RESOURCES ASSOCIATION

Coordination: ELRA, Luxembourg
Design/Purpose: “The overall goal of ELRA is to provide
a centralized organization for the validation, management, and distribution
of speech, text, and terminology resources and tools, and to promote
their use within the European telematics R&TD community”

Projects:

European Language resources – Distribution
Agency (ELDA)
Newsletter: read their Newsletter:
here
Notes: website available in English and in French

ELSNET
– European Language and Speech Network

Coordination: ELSNET office at Utrecht University, Netherlands
Design/Purpose: Europe-based forum dedicated to human language technologies

Projects:

  • HLT
    Central – Gateway to Speech & Language Technology Opportunities
    on the Web
Newsletter: visit their news-section;
subscription to ElsNews is free
Notes:

You are now in section > Corpus
Linguistics > Research
Centres > A – E

 

Data-driven
learning
Virtual
Resources
Bibliography
Email
About

 

<FILE ARCHIVED ON  AND RETRIEVED FROM THE INTERNET ARCHIVE ALL OTHER CONTENT MAY ALSO BE PROTECTED BY COPYRIGHT (17 U.S.C.
SECTION 108(a)(3)). contact rubtcova.com

 

 

English Corpora A – E (materiales de corpus-linguistics.com 24.04.2004)

 

Corpora: English Corpora: A – E

 

 

Corpus
Linguistics
Tutorials
Corpora
English
Corpora
German
Corpora
More
Languages
Spoken
Corpora
Learner
Corpora
ICE

Corpora

Parallel
Corpora
Historical
Corpora
Treebanks
Text

Archives

Alphabetical
List
Software
CL
in Applied Linguistics

 

You are now in section > Corpora
> English Corpora
> A – E

 

A – E
F – J
K – O
P – T
U – Z

 

ACE
Bank
of English
BNC
BROWNCEECS
Christine
CIC
CLCCOLT
CPSAECI

ACE – Australian Corpus of English

Org: Macquarie University, Sydney, Australia
Time: 1986

Size:

1 mio words (500×2000 words samples)
Contents: written and spoken, multigeneric (15 different genres)

Access:

available on the ICAME
CD-ROM
Notes: modelled
on BROWN and LOB
for linguistic research

Bank of English – Cobuild

Org: Cobuild and the University of Birmingham, UK (John
Sinclair)
Time: majority of the material originates after 1990

Size:

415 mio words in Oct 2000 (still growing)
Contents: written and spoken; multigeneric (

Access:

CobuildDirect allows restricted access to the corpus
through a java or telnet interface; restricted concordance and collocation
queries are possible
Notes:

BNC
– British National Corpus

Org: Lead by an industrial/academic consortium lead by
Oxford University Press
Time: completed in 1994; first release in 1995; second release
in 2001

Size:

over 100 mio words (4,125 texts)
Contents: multigeneric; 90% written and 10% spoken materials

Access:

Licensed; Guest account available by using the SARA
Client at the
BNC Online Service or conduct
a simple search at the BNC.
Notes: SGML
Markup according to the TEI
guidelines; POS
tagging carried out with CLAWS

BROWN
University Corpus

Org: Brown University, Rhode Island,U.S.
Time: 1960s

Size:

ca. 1 mio words
Contents: American written English; 500 text samples of approximately
2,000 words distributed over 15 text categories

Access:

available on the ICAME
CD-ROM
Notes:

CEECS
– Corpus of Early English Correspondence Sampler

Org: University of Helsinki, Finnland
Time: 1418-1680

Size:

approx. 450,000 words
Contents: click
here for a list of included texts

Access:

available on the ICAME
CD-ROM
Notes: represents the non-copyrighted materials included
in the Corpus of Early English Correspondence

CHRISTINE
Corpus

Org: Geoffrey
Sampson, University of Essex, UK
Time: first distributed in August 2000

Size:

Contents: spoken English, and particularly spontaneous,
informal spoken English

Access:

freely available for download
here
Notes: see also SUSANNE

name=”CIC”

CIC
– Cambridge International Corpus

Org: Cambridge University Press
Time: ongoing

Size:

300 mio words and expanding
Contents: multigeneric; written and spoken British and American
materials, learners’ English

Access:

“Currently, it can only be used by authors and
writers working for Cambridge University Press and by members of
staff at UCLES.”
Notes: “Authors, editors and lexicographers use the
CIC
[…] when they are working on books for Cambridge University Press.”

CLC
– Cambridge Learner Corpus

Org: Cambridge University Press and UCLES.
Time: ongoing

Size:

10 mio and expanding
Contents: anonymised exam scripts written by students taking
UCLES
English exams around the world

Access:

“Currently, it can only be used by authors and
writers working for Cambridge University Press and by members of
staff at UCLES.”
Notes: It forms part of the Cambridge
International Corpus

COLT
– Bergen Corpus of London Teenage Language

Org: University of Bergen, Norway
Time: material collected in 1993

Size:

500.000 words; Pilot-version consists of 151 texts
Contents: transcripts of spoken ‘London Teenage Language’

Access:

search in the pilot version is available; reg. users
can search the entire corpus online; COLT is available on the ICAME
CD-ROM
Notes: COLT is part of the BNC;
it is tagged for word classes

CPSA
– Corpus of Spoken Professional American English

Org: Contact: Michael
Barlow
Time: 1994-1998

Size:

2 main sub-corpora, 1 mio words each
Contents: short interchanges by 400 speakers – professional activities broadly
tied to academics and politics

Access:

Registered users only ($79 for the individual using
the tagged version)
Notes: The tagging was performed by Tony McEnery and Paul
Baker using the CLAWS programme at UCREL, Lancaster University; available both tagged and untagged

ECI
Corpus

Org: ELSNET
Time: materials collected between 1984 and 1993

Size:

Four different corpora ranging from 4 to 34 mio. words
Contents: German, French and Dutch newspaper texts; parallel
texts in English Spanish and French

Access:

available on CD Rom for € 50 for research purposes
only
Notes:

You are now in section > Corpora
> English Corpora >
A – E

Data-driven
learning
Virtual
Resources
Bibliography
Email
About

 

 

 

 

<FILE ARCHIVED ON  AND RETRIEVED FROM THE INTERNET ARCHIVE ALL OTHER CONTENT MAY ALSO BE PROTECTED BY COPYRIGHT (17 U.S.C.
SECTION 108(a)(3)). contact rubtcova.com

M. Dei, Sulle tracce della società civile: identità territoriale, etica civica e comportamento associativo degli studenti della secondaria superiore, Franco Angeli, Milano, 2002

The problem of civics and the lack of specific teaching programmes in the Italian high schools is at the origin of a research which has been carried out by the author at national level. More then 4,000 students answered to a questionnaire inquiring about values and passions, attitudes towards deviant behaviour, participation in associations of different kind, interest in politics. A similar questionnaire has been submitted to a sample of high school teachers. The book presents the main results of the research. Among the basic conclusions of the inquiry is the realisation that in the Italian high schools there are – unavoidably – implicit processes of civic socialisation, but no specific programmes taking care of the building of citizens.
Key-words: Civics, students, association, citizenship, teachers

Processi di riforma della scuola 1996- 2003

Processi di riforma della scuola 1996- 2003
di Graziella Giovannini

Le riforme del governo dell’Ulivo (1996-2001)

Il governo dell’Ulivo dal 1996 ha avviato un ampio processo di riforma, con la prospettiva di una trasformazione organica e complessiva dell’intero sistema formativo (scuola, formazione professionale, Università e formazione degli adulti)

I principali obiettivi di riforma sono stati:

  • costruire percorsi formativi più vicini a quelli degli altri paesi europei
  • ampliamento della formazione (piena scolarità, riduzione della dispersione e degli abbandoni scolastici, diritto alla formazione fino 18 anni);
  • ricerca di un migliore rapporto tra scuola, formazione professionale e inserimento lavorativo;
  • costruzione di un sistema formativo integrato anche con riferimento alla gestione (pubblico e privato);
  • decentramento del governo della scuola, autonomia e responsabilizzazione delle singole scuole, dei presidi e dei docenti.

Provvedimenti realizzati :

    • Riforma dell’esame di maturità
    • Autonomia della scuola : art. 21 della legge n.59, 15 marzo 1997 (Bassanini)introduce il principio dell’autonomia, definendo il quadro generale.
      Regolamento dell’autonomia : decreto P.R. n.275, 8 marzo 1999
      Si prevede l’autonomia delle singole istituzioni scolastiche (devono superare una certa dimensione, altrimenti si procede all’accorpamento di piu’ scuole) relativamente a:

      • didattica ( introduzione moduli , percorsi individuali, debiti e riconoscimento crediti, metodologie e strumenti didattici, …)
      • organizzazione (orario, impiego docenti, calendario, …)
      • ricerca, sperimentazione, sviluppo (progettazione formativa, innovazione dei metodi; in parole povere sviluppo di nuovi metodi d’insegnamento e valutazione).

Ogni scuola deve predisporre il POF (Piano Offerta Formativa) che definisce l’identità della scuola e l’offerta formativa agli utenti (corsi, obiettivi, rapporti con l’esterno, ….).
Si possono costituire reti di scuole per il raggiungimento degli obiettivi e anche reti di connessione con il territorio (enti locali, realtà culturali sociali ed economiche, vedi art. 3 comma 4)

  • Uno Statuto delle studentesse e degli studenti è stato approvato nel 1998
  • Innalzamento obbligo scolastico: legge n.9, 20 gennaio 1999
    In attesa della riforma complessiva dei cicli, dall’anno 1999/2000 si adempie all’obbligo frequentando il primo anno delle scuole secondarie superiori o comunque dopo aver frequentato 9 anni di scuola. Nell’ultimo anno dell’obbligo devono essere svolte attività di orientamento e sono possibili percorsi integrati con centri di formazione professionale.
  • Obbligo di formazione : art.68 collegato alla finanziaria 1999, 11 maggio 1999
    Per potenziare la crescita culturale e professionale dei giovani è progressivamente istituito l’obbligo di frequentare attività formative fino a 18 anni. L’obbligo può essere assolto :
    a) nel sistema di istruzione scolastica,
    b) nel sistema della formazione professionale,
    c) nell’apprendistato all’interno di un contesto di lavoro.
  • Regolamento autonomia didattica dell’Università– decreto del Ministro Università 3 novembre 1999.
    Si veda in particolare art.6: Requisiti di ammissione all’università. Si prevedono requisiti minimi per i singoli corsi di laurea, verificati all’accesso, ed eventuali attività formative aggiuntive per chi non li possiede.
  • Avvio dell’Istituto Nazionale per la Valutazione del sistema formativo nel 1999, con compiti di ricerca sistematica sul funzionamento e sui risultati del sistema formativo nel suo complesso.
  • Avvio della Scuola di Specializzazione per insegnanti (primo ciclo 1999/2000)
  • Riordino dei cicli – legge 30/2000 del 10 febbraio 2000
    Questi i punti portanti del riordino:

    • Tre anni di scuola dell’infanzia (non obbligatoria),
    • Sette anni di scuola di base, con esame di Stato finale e un’indicazione orientativa non vincolante al termine
    • Cinque anni di scuola secondaria (liceo), articolata in area classico-umanistica, scientifica, tecnica e tecnologica, artistica e musicale
    • Obbligo scolastico da sei a quindici anni
    • Obbligo formativo fino a 18 (vedi anche collegato alla finanziaria 1999)
    • Integrazione con la formazione professionale.

    Il Programma quinquennale di progressiva attuazione della legge 30/2000 è stato approvato dal Consiglio dei Ministri il 3 novembre 2000 e approvato con Risoluzioni della Camera e del Senato nel dicembre 2000. Con il settembre 2001 doveva avviarsi la riforma nei primi due anni della scuola di base. Nella secondaria l’avvio della riforma era previsto per il settembre 2002.
    Nuovi curricoli per la scuola di base sono stati proposti nel febbraio 2001 (lavori di una commissione di esperti e schema di decreto interministeriale )

  • Parità e diritto allo studio – legge 62/2000 del 10 marzo 2000
    Il servizio scolastico nazionale prevede scuole statali e scuole paritarie private e degli enti locali. Le scuole non statali che richiedono la parità devono possedere alcuni requisiti (rispetto della costituzione e degli ordinamenti vigenti, iscrizione per tutti gli studenti, inserimento handicappati, rispetto contratti nazionali di lavoro, …).
    Per garantire il diritto allo studio a tutti gli alunni lo stato sostiene le famiglie mediante assegnazione di borse di studio.
    Sono previsti contributi per il mantenimento di scuole elementari parificate (scuole private presenti ad esempio in territori dove la scuola pubblica è assente) e di scuole materne.


Le prospettive di riforma del governo del Polo (2001/aprile2003)

Con il nuovo governo, il Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca (MIUR) ricompone di nuovo in un unico ministero le competenze della scuola e dell’università e, sulla base degli orientamenti espressi nel periodo elettorale, il Ministro Moratti si attiva inizialmente in tre direzioni:

  • avvio rapido del nuovo anno scolastico e ridefinizione di alcune procedure per la gestione del personale docente;
  • blocco della riforma dei cicli approvata dal parlamento italiano nel febbraio 2000;
  • mantenimento delle prospettive di riforma dell’Università.

In generale, gli orientamenti dell’attuale ministro si richiamano ai principi dellasussidiarietà, dell’autonomia e della flessibilità organizzativa, del liberismo.

Il quadro complessivo del sistema di istruzione-formazione risulta in forte trasformazione, anche se molti punti di cambiamento sono ancora in costruzione, non sempre sono tradotti in veri e propri progetti di legge e, comunque, per molti problemi si deve attendere l’approvazione definitiva del Parlamento.

Principali ambiti di mutamento:

  • Riforma dell’art. 117 della Costituzione. La legge costituzionale n.3 del 18 ottobre 2001 amplia le competenze delle regioni in materia di istruzione e formazione professionale. Allo Stato resta la competenza esclusiva delle norme generali sull’istruzione.
  • Nuove disposizioni in materia di organizzazione del personale docente e problemi relativi al loro finanziamento (orario di lavoro, supplenze, aggiornamento…) sono contenute nelle leggi finanziarie 2002 e 2003
  • Riforma dell’esame di maturità. Il comma 7 dell’art. 15 della finanziaria 2001 che prevede per gli esami di maturità commissioni composte dai docenti della classe del candidato e presiedute per ogni sede di esame da un docente o dirigente esterno nominato dal dirigente regionale competente.
  • Riforma degli organi di governo delle istituzioni scolastiche. Sono stati modificati gli organi territoriali regionali e provinciali. (Il Provveditorato diventa CSA Centro Servizi Amministrativi)
  • Revisione del servizio nazionale di valutazione del sistema formativo. L’orientamento è verso un servizio autonomo e indipendente dal Ministero.
  • Costruzione di un codice deontologico del personale docente. E’ stata istituita una Commissione di studio per definire principi e norme etiche per la professione docente.
  • Applicazione della Legge 62/2000 per la parità scolastica e le disposizioni sul diritto allo studio e all’istruzione. E’ stata nominata una Commissione per stabilire le procedure di attuazione.
  • Riforma dei cicli. Il ministro Moratti nel luglio 2001 ha nominato un Gruppo ristretto di lavoro (Grl) per una riflessione complessiva sul sistema formativo, una rivisitazione del piano di attuazione della riforma previsto dal precedente governo ed eventuali modifiche della legge 30/2000 (legge “Berlinguer”).

    Il Grl ha prodotto un Rapporto finale (presentato il 28 novembre 2001) che trasforma in maniera sostanziale la legge Berlinguer . La proposta è stata sottoposta agli “Stati generali dell’istruzione” del 19-20 dicembre 2001 e si è tradotta in una Legge delega al governo- L.53/03 (approvata definitivamente nel marzo 2003) che si richiama ad alcuni orientamenti:

    • l’educazione è un diritto per almeno 12 anni di istruzione/formazione.
    • La fruizione dell’offerta di istruzione e formazione costituisce un diritto/dovere legislativamente sanzionato; dal quindicesimo anno di eta’ si possono frequentare corsi in alternanza.
    • Il sistema educativo deve favorire la crescita e valorizzazione della natura umana, l’inserimento nella vita sociale e nel lavoro , la formazione spirituale e morale, lo sviluppo della coscienza storica e l’appartenenza alla comunità locale, nazionale e alla civilta’ europea. Obiettivi realizzati in cooperazione con la famiglia, in coerenza con il principio di autonomia delle scuole e nel rispetto della Costituzione.
    • Il sistema educativo di istruzione e formazione si articola nella scuola dell’infanzia, in un primo ciclo formato dalla scuola primaria e scuola secondaria di primo grado e da un secondo ciclo formato dal sistema dei licei e da quello dell’struzione e formazione professionale
    • La flessibilità orizzontale e verticale deve caratterizzare tutti i percorsi e tutte le strutture;
    • Viene potenziata la formazione professionale sia a tempo pieno che in alternanza.
  • Con l’anno scolastico 2002-2003 prende avvio una sperimentazione controllata nelle scuole dell’infanzia e nelle elementari, in relazione al mutamento delle età di accesso, e una sperimentazione per l’apprendimento della seconda lingua e l’informatica.